lunedì 6 giugno 2011

Macchine da cucire Necchi, modelli a confronto


Fin dai tempi antichi, cucire è sempre stata una delle priorità. Nel corso della storia, molteplici sono stati i metodi utilizzati, ma con l’invenzione della macchina per cucire nel 1755, la storia del cucito è cambiata.

2112771763_5760b3ec99.jpgQuale scegliere?

La famiglia Necchi, sin dal 1835, capisce l’importanza di questo macchinario, decide quindi di modificarlo e di progettare, nel tempo, macchine sempre più all’avanguardia, ideate per semplificare il lavoro senza alternarne la qualità. In commercio sono disponibili diversi modelli, da tavolo, da incasso, professionali e persino computerizzati, da non dimenticare, poi, le comode taglia e cuci.

Tra i modelli disponibili ci sono:
  • http://website.lineone.net/~michael_galvin/images/Necchi270.jpgNECCHI 270, prezzo 150 euro: pratica e funzionale, adatta a chi si accinge per la prima volta nel mondo del cucito o a chi la usa semplicemente per piccoli lavori di cucito come accorciare un orlo. Dotata di piedini, aghi, set di spoline, con piedino taglia e cuci.
  • http://www.arcopg.com/immagini/prodotti/6200.jpgNECCHI 6200: elettronica, esegue 60 punti, tra cui 4 asole e diversi punti decorativi. Con velocità regolabile. Utile per chi vuole eseguire lavori da patchwork. Il suo prezzo è di 630 euro.
  • http://www.arcopg.com/immagini/prodotti/9500.jpgNECCHI 9500: esegue 122 ricami, 13 asole e 127 punti. Elettronica, è la “signora” del ricamo a macchina. In quanto tale il suo costo varia da 3500 a 4000 euro.
  • http://www.arcopg.com/immagini/prodotti/780.jpgTAGLIA CUCI COLLARETTO 780 EVOLVI: dotata di 3 punti catenella, 4 punti copertura, overlock e punti combinati. È la taglia e cuci per eccellenza nel suo genere. Una volta che si usa non se ne può fare a meno. Costo: 1800 euro.

Come cucire?

Tanti modelli, ognuno con le sue caratteristiche particolari per soddisfare l’uso personale di chiunque. Caratteristica che accomuna tutte le macchine per cucire è la semplicità d’uso. Cucire con le macchine da casa o professionali, non è più un problema, basta pensare che per infilare l’ago, la maggior parte di esse è dotata di infilatura automatica. Tutte le macchine elettriche (oggi è raro trovarne una a pedali), hanno un pedale, (funge quasi da acceleratore, nelle macchine più semplici), in base a come viene schiacciato con il piede, la macchina cuce più o meno veloce. Prima di iniziare a cucire, è bene sempre controllare la corretta infilatura dei fili, che la spoletta sia posta in modo corretto e, soprattutto, che ci sia il filo giusto e in quantità sufficiente per ciò che si deve cucire. Chissà per quale ragione, capita sempre che il filo finisca quando il lavoro è quasi terminato! Scegliere il punto desiderato: dritto, zig-zag, larghezza del punto e tensione. Posizionare la stoffa e fermare con l’ago della macchina aiutandosi con l’apposita manopola, abbassare il piedino. Cucire.

Dedicato a tutte le persone affette da lupus

SPAZIO UTENTI

Oh Oh

Share it

Ti potrebbe interessare!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Citazione del Giorno